Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

Festival Internazionale delle Neuroscienze del Mediterraneo a Bari “Ogni tua cellula è un ologramma”

17 Novembre 2017 @ 9:30 - 18:30

L’IKOS Ageform (Scuola di Specializzazione in Psicoterapia), in collaborazione con il MIUR (Ministero dell’istruzione, della Università e della Ricerca) e la Regione Puglia, organizza la prima edizione del Festival Internazionale delle Neuroscienze del Mediterraneo.

Dodici giornate di apprendimento dei saperi derivanti dalle nuove frontiere della ricerca. Sono previsti 10 ECP per ogni giornata di formazione.

Questa prima edizione del Festival Internazionale delle Neuroscienze del Mediterraneo è nata con l’intento di comprendere quanto mente, corpo e anima, se in sintonia, siano il presupposto per una vita ricca di benessere e di gioia.

Una nuova alleanza fra terapie e scoperte scientifiche.

Venerdì 17 novembre, a Bari, presso la Sala Colonnato ex Palazzo di Provincia – dalle 09:30 alle 18:30 – Registrazione Ore 09.00, si svolgerà la giornata dedicata a:

PSICOTERAPIA E MEDICINA, PSICOSOMATICA E PNL BIOETICA

Venerdì, 17 novembre, dalle ore 16, presso la Sala Colonnato, ex Palazzo di Provincia, a Bari, ci sarà il workshop del dott. Claudio Pagliara su “Ogni cellula è un ologramma: curare lo spirito per curare il corpo”.

“Dopo circa 40 anni di esperienza professionale come medico e come oncologo, ho imparato che la salute si difende e si promuove non solo nel proprio ambulatorio medico o nelle corsie ospedaliere, ma anche diffondendo le giuste conoscenze in merito alle vere cause delle malattie ed ai vari fattori protettivi che ne impediscono la nascita o che favoriscono un loro percorso di guarigione.
Il primo obiettivo di qualunque percorso di guarigione deve partire dalla conoscenze delle cause. Il secondo obiettivo strategico è rimuovere le cause per rimuovere gli effetti o, comunque, per rendere molto più facile un percorso di guarigione. Il terzo obiettivo è quello di incrementare i fattori protettivi.
Semplici verità che cambiano gli esiti delle lotte contro varie malattie, compreso il cancro, con conseguente riduzione di sofferenze, di malattie, di costi sociali, di costi economici, di tasse etc.
In tutti e tre gli obiettivi riferiti, i nuovi saperi derivanti anche dall’epigenetica, dalla biologia molecolare, dalla neuroscienza, dalla fisica quantistica, dalla PNEI e dalla PNL, la cura dello spirito assume un ruolo centrale.
La tesi che verrà dimostrata nel corso del convegno è che il nostro cervello è il più efficiente produttore di farmaci, ma anche di veleni. Cambiando le nostre convinzioni cambiamo la chimica e la biologia delle nostre cellule, cambiamo il funzionamento del nostro DNA, con una quantità incredibile di messaggeri coinvolti che usano un linguaggio fatto di terminazioni nervose, di neuropeptidi, di ormoni e di onde elettromagnetiche che coinvolge più dei 50.000 miliardi di cellule del nostro straordinario corpo.
Come giustamente diceva A. Einstein: “Nessuna quantità di esperimenti potrà ai dimostrare che ho ragione, basta solo un esperimento per dimostrare che ho torto”. Esistono tante osservazioni cliniche che premono ormai nella direzione di un nuovo modello di interpretazione e di lotta contro le malattie. In questo nuovo modello scientifico, lo spirito ha un ruolo essenziale e strategico.
Ogni malattia è multifattoriale e richiede, per un obiettivo di sicura maggiore efficacia ed efficienza, una strategia multifattoriale e multidisciplinare.
In questo scenario, tutto diventa possibile, non esistono limiti ma solo leggi già conosciute da applicare, ma anche nuove leggi da scoprire.
L’impossibile così diventa possibile.”

Riporto alcuni passaggi del libro “La via della guarigione” con sottotitolo “Curare la mente per curare il corpo, curare l’ambiente per curare l’uomo, curare lo spirito per curare il mondo”:

“Per rispondere in modo appropriato agli imprevedibili mutamenti ambientali, il nostro cervello è stato programmato, in tre miliardi e mezzo di anni, per non avere limiti”.

Oggi sappiamo che l’esperienza si riflette come in uno specchio nella nostra mente e modella il nostro cervello attraverso una diversa struttura di connessioni tra le diverse cellule cerebrali, i cosiddetti neuroni. Nel nostro cervello vi sono cento miliardi di neuroni ed ogni neurone può essere in contatto, attraverso le cosiddette sinapsi, con moltissimi altri neuroni, da un centinaio a diverse migliaia. Le sinapsi sono i punti di contatto, di cmunicazione e di dialogo tra i neuroni. Le possibili associazioni, combinazioni tra i neuroni sono, quindi, pressoché infinite. La vera fonte della libertà è in questa costituzione anatomo-fisiologica del nostro sistema nervoso.

“La vera radice della libertà è nella nostra notevole capacità di apprendimento, legata a questa costituzione particolare del nostro sistema nervoso”.

Ogni combinazione diversa tra neuroni corrisponde ad associazioni, a memorie, a pensieri, ad emozioni ed a comportamenti diversi. Abbiamo una meravigliosa e magica mente che può fare miracoli. Ricordiamoci però sempre che lo sviluppo di ogni capacità richiede tempo ed impegno. Vedremo come è possibile sviluppare alcune meravigliose potenzialità del nostro cervello.

“Non basta avere una bella mente la cosa più importante è usarla bene”.

(renè Descartres)

Riporto alcuni passaggi del libro “L’amore è la medicina più potente” con sottotitolo
Come trasformare il cervello nel più efficiente produttore di farmaci che esista”:

“Una tachicardia, un’extrasistole, una colite spastica, una cefalea, un’emicrania, un mal di schiena, una ipertensione arteriosa e diversi altri mal-esseri psichici e/o fisici possono essere la semplice conseguenza di pensieri negativi.
Una perfetta salute, una relazione felice, un’attività lavorativa di successo ed una vita ricca, energetica ed entusiasmante, possono essere la conseguenza di pensieri positivi.
Può sembrare strano, ma quanto affermato è ciò che ho imparato in quasi quaranta anni di attività come medico, e come oncologo, ascoltando con umiltà i pazienti. Ed è anche ciò che emerge dalle nuove frontiere della ricerca scientifica.
Il tuo cervello fa cose “stupefacenti”, anzi produce anche dei veri e propri stupefacenti. Le endorfine sono delle vere e proprie droghe endogene, cioè sostanze chimiche prodotte dal cervello, dotate di potente proprietà analgesica ed euforizzante. Il nostro organismo ha la capacità di produrre delle droghe naturali, le endorfine, che hanno, di fatto, gli stessi effetti della morfina e degli oppiacei.
Di solito vengono prodotte durante le attività sportive, soprattutto nelle attività aerobiche di lunga durata (ciclismo, maratone etc.), quando si sorride, nell’innamoramento, quando ci si scambiano le coccole, durante il sesso, nella meditazione, durante l’ascolto della musica, durante il ballo, etc.
Vari studi hanno dimostrato un basso livello di endorfine in molti soggetti affetti da cefalee e da emicranie.”

 

 

Dettagli

Data:
17 Novembre 2017
Ora:
9:30 - 18:30

Organizzatore

IKOS Ageform

Luogo

Sala Colonnato Palazzo Provincia
Lungomare Nazauro Sauro
Bari, Italia
+ Google Maps